#Elizabeth Gaskell e la casa vittoriana di Mara Barbuni #flower-ed [RECENSIONE]

aprile 29, 2016



Elizabeth Gaskell (1810-1865) è una delle più celebri scrittrici delletà vittoriana. Attraverso i tanti riferimenti, talvolta tradotti per la prima volta in italiano, ricercati nelle pagine dei suoi romanzi e dei suoi moltissimi racconti, Mara Barbuni ci conduce in un percorso di lettura che analizza la dimensione materiale della casa vittoriana e la pone in relazione con la sfera simbolica ed emozionale dei personaggi messi in scena: l’architettura domestica, l’arredamento, gli oggetti personali si trovano a rappresentare una perfetta chiave di lettura dellaspetto più intimo e invisibile dell’essere umano, lasciando trapelare dubbi e incertezze nei confronti di quellideale domestico che si fondava sui valori di sicurezza, solidità e moralità infallibile.
Collana: Windy Moors
Volume: 4
Formati: EPUB +MOBI
ISBN: 978-88-97815-66-2
Anno: 2016
----------------------------------
Il libro cartaceo può essere acquistato esclusivamente su Lulu e Amazon.
ISBN: 978-88-97815-67-9
Prezzo: 15.00 €


Recensione:

Continua la mia collaborazione con la flower-ed e ogni volta questa casa editrice mi sorprende con delle uscite che non ti aspetti,  con testi dimenticati, che non conoscevamo oppure tradotti in italiano proprio per noi lettori.
Oggi vi parlo del 4° volume della collana Windy Moors, io ho già recensito la biografia sulle sorelle Brontë (recensione qui) e anche il breve saggio su Emily. (recensione  qui).
In questo libro riscopriamo un' autrice dell’epoca vittoriana, Elisabeth Gaskell, una scrittrice con la S maiuscola nella sua vita ha pubblicato moltissime opere ed è stata proprio la scrittura ad aiutarla a vincere la depressione causata dalla morte di un figlio. Naturalmente non si firmò con il suo nome, come fu anche per le sorelle Brontë che pubblicarono con uno pseudomino maschile.
Dal 1844 quando cominciò a scrivere non si fermò più producendo un bel numero di testi, il primo romanzo fu pubblicato nel 1848 e si intitolava "Mary Barton" dove la scrittrice racconta la storia di  una famiglia della classe operaia che era all’epoca il  ceto sociale emergente, ma quello che ha stupito è la sensibilità nel raccontare le miserie e il dolore che ha colpito questa fascia della società.
Elisabeth è legate alle sorelle Brontë e in particolare a Charlotte della quale è molto amica e dopo la sua scomparsa ne scrive anche la sua biografia.
In questo saggio entriamo in una vera e propria casa vittoriana, così conosciamo tutti gli aspetti che erano importanti per l’epoca e quali erano le tendenze delle donne del tempo in materia di economia domestica.
Il giardino era una degli aspetti fondamentali che doveva avere una casa vittoriana, e il livello di cura, come le piante e i fiori che lo animavano, rappresentavano anche il livello sociale dei proprietari.
I fiori  rappresentavano anche la libertà che stavano via via acquisendo le donne ,ma il giardino era anche un luogo di ricordi nostalgici, di rimpianti ma poteva essere anche pieno di sensualità e intrigo.
La città viene descritta come un luogo grigio, sporco e di dubbia moralità dove c’era lo sviluppo di una nuova classe sociale, quella operaia, che stava crescendo e stava prendendo piede e quindi c’era del pregiudizio su di loro.
Se il giardino rispecchiava lo status sociale, non sempre la casa seguiva lo stesso criterio, le ragazze venivano istruite fin dalla tenera età a curare l'ambiente domestico, quest'aspetto era fondamentale nella vita delle donne dell’epoca.
La casa era una sorta di microcosmo della società e la pulizia e l’organizzazione come i mobili, i dipinti e i vari tappeti e le porcellane era una carta da visita importante da presentare agli ospiti.
Anche il cibo era un’espressione culturale per l’epoca vittoriana mentre i domestici erano importantissimi e gli venivano date precise istruzioni sulla pulizia della casa e sull’ organizzazione dei pasti.
Se vi va di fare una visita in una casa vittoriana e conoscere meglio gli usi e i costumi di un’epoca così interessante e affascinante non vi resta che leggere questo libro!


You Might Also Like

0 commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Visualizzazioni totali

Google+ Followers

Labels