Torna da me di Mila Gray [RECENSIONE]

febbraio 05, 2017

Cari lettori, 
oggi una nuova recensione, parliamo del young adulta "Torna da me" di Mila Gray (titolo originale Come Back to me), che mi ha fatto disperare, buone premesse e poco sostanza.



Trama:
Un’auto militare ferma sotto casa alle sette del mattino. Non può significare nulla di buono, soprattutto se sia tuo fratello che l’amore della tua vita sono soldati impegnati in una rischiosa missione in Afghanistan. Quando Jenna Kingsley, diciott’anni appena compiuti, occhi verdissimi e un viso tutto lentiggini, apre la porta al cappellano dei Marine in alta uniforme, il mondo le crolla addosso in un istante. Mentre il cuore batte a mille, il suo pensiero vola all’estate appena trascorsa. Quella in cui lei e Kit, migliore amico di suo fratello Ridley, sono caduti l’una nelle braccia dell’altro. Sono anni che Jenna stravede segretamente per Kit, bello e sexy da togliere il fiato, e proprio adesso che lui ha scoperto di ricambiarla, l’idea di perderlo è insopportabile. E pazienza se il padre, l’inflessibile Colonnello Kingsley, non fa mistero dell’odio che, per motivi mai davvero chiariti, nutre per il ragazzo. Mentre Jenna si prepara a ricevere la tragica notizia dalle labbra del cappellano, un’unica, atroce domanda le martella in testa: chi dei due è morto? Suo fratello Ridley oppure Kit?

Recensione:

La trama di questo young adult mi aveva colpito subito appena la lessi in libreria, mi sono detta, finalmente un libro di questo genere dove non si parli solamente di ragazzi fighi, tatuati con poco cervello e di ragazze che non aspettano altro che lui le guardi e di vivere una storia d’amore che non dimenticheranno così facilmente.
Le premesse c’erano tutte, Jessa che aspetta il ritorno del fidanzato e del fratello, entrambi soldati della Marine, che sono dovuti partire per una missione rischiosa in Afghanistan e l'arrivo dell’auto militare che porta solo brutte notizie.
Uno dei due che non ce l’ha fatta ma chi?
Ma poi capisci che chi ha scritto la trama non ha scritto anche il libro, capisci che si parla sempre delle stesse cose, di Kit, il fidanzato di Jessa, che è super bello, sexy, che nonostante i problemi delle loro due famiglie, combatte per vivere il suo amore per la ragazza. E fino a qui nulla di male, se non che nel romanzo si parli unicamente, o in maggior parte, di quello e basta.
Non era questo, quello che mi aspettavo, in alcuni punti ho sperato che l’autrice cambiasse registro ma non è stato cosi.
Interessante è stato l’accenno all’ addestramento che hanno i Marine, alla loro vita dura e piena di sacrifici e  secondo me poteva essere sviluppata di più questa parte.
Il libro si fa leggere velocemente, lo stile di Mila è molto semplice, utilizza termini comuni, di facile comprensione, i periodi sono brevi e la lettura risulta scorrevole,anche perché i capitoli sono alternati, dal punto di vista di Jessa e dal punto di vista di Kit.
Mi fermo qui?
Certo che no, questo young adult ha molti elementi in comune con gli altri del suo genere:
- due ragazzi adolescenti che lottano per amore
- il rapporto difficile con i genitori, il padre di Tessa che è molto autoritario,un  ex militare
- alcuni luoghi comuni Kit è un superfigo e Jessa la ragazza della porta accanto
- la drammaticità della vicenda fa solo a contorno alla storia.


Per essere onesta fino in fondo, troviamo anche dei errori piuttosto gravi, il primo che ho notato fin da subito, è che nella trama la protagonista si chiama Jenna, mentre in tutto il libro viene chiamata Jessa e  nel libro si descrive così la protagonista “ha i capelli biondo chiaro, la pelle color panna, occhi così verdi che mi verrebbe da pensare che abbia le lenti a contatto, se non sapessi che sono proprio i suoi”.Nella copertina la ragazza ha gli occhi e i capelli scuri, cosa centra con Jessa?
Se andiamo a vedere la versione originale su qualsiasi store online, leggiamo che nella trama il nome della protagonista è corretto, si chiama dunque Jessa, e nella copertina troviamo una ragazza con i capelli chiari quindi l’edizione italiana non ha curato questi aspetti che potrebbero sembrare deboli, ma che non possiamo ignorare.
Che dire?
 Se amate gli young adult e le solite trame questo libro fa per voi, se volete qualcosa di diverso vi conviene scegliere degli altri titoli.

Buone letture




You Might Also Like

0 commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Visualizzazioni totali

Google+ Followers

Labels